i nostri consigli

Come posare: consigli iniziali

Sul set è bene arrivarci conoscendo già un buon numero di pose. Non immaginarti quindi che sia il fotografo a metterti in posa. Questo può a volte certo succedere ma non è la norma.

Quello che invece di solito succede su un set di moda è che sono le modelle a "proporre" le pose, anche intuendo quali possono essere le più adatte ad una certa situazione. Il fotografo poi scatterà la foto, o magari non lo farà perchè la posa non gli sembra interessante, ma questo non è l'importante. L'importante è capire che in un servizio di moda per ogni singolo capo vengono scattate anche qualche decina di foto e quasi sempre i capi sono più di uno. Il fotografo non ha quindi neppure il tempo di mettere in posa la modella per ogni foto. E non ha neppure tempo da perdere con pose sgraziate o che comunque non funzionano.

Per questo sei che tu devi conoscere già un discreto numero di pose prima di presentarti per un servizio di una certa importanza. Quello che di fatto succede con la maggior parte delle modelle è che ovviamente all'inizio posano per foto amatoriali, per il servizio del proprio book, o in TFP per fotografi locali. In questi casi è anche il fotografo a suggerire alla modella come posare, dato che sa che la sua esperienza al riguardo è poca e dato che ha generalmente abbastanza tempo a disposizione. E' anche, ma non solo, in questi shoot iniziali che la modella inizia ad acquisire quella capacità di posare che gli sarà utile sui set professionali e che nel tempo accrescerà.

Saper posare è quindi essenziale. E conoscere alcune pose di base è importante anche per chi inizia, anche per chi si sta "costruendo" il proprio book. 
Ma come puoi fare per "iniziare" a posare nella giusta maniera?

La prima cosa che dovresti fare è prendere delle riviste di moda e ritagliarti le pose che ti sembrano più interessanti. Puoi anche farlo utilizzando immagini digitali prese dal web, magari dalle agenzie di modelle più note, dove spesso come foto compaiono quelle di veri servizi pubblicati su rivista. E poi devi cercare di imitarle ma stando attenta ai particolari. A volte delle cose che sembrano insignificanti sono invece essenziali. Un spalla tenuta ad altezza "normale" dove invece nella foto della posa era molto alzata, può ad esempio compromettere tutto l'effetto della posa stessa.

Molto meglio se in questo lavoro c'è qualcuno che ti aiuta confrontando la tua posa con quella della foto. Oppure, ancora meglio, se c'è qualcuno che scatta delle foto in modo tale che tu stessa possa vederti come appari e fare, in tempo reale, gli aggiustamenti necessari alle pose non perfette. Vai avanti con questo lavoro, giorno dopo giorno. Vedrai man mano aumentare le pose in cui riesci particolarmente bene. Al riguardo tieni anche presente che alcune pose sono più indicate per certi tipi di fisici e/o capi indossati. Non è ad esempio detto che una modella molto magra riesca ugualmente bene adottando la stessa identica posa di una un po' più robusta, anche se indossa lo stesso capo. Sperimenta quindi le pose in cui tu riesci meglio.

Tieni anche presente che le pose variano anche a seconda del genere per cui modelli. La moda vera e propria di norma preferisce le pose più angolate, che danno un effetto più drammatico, enfatizzato, quasi esagerato. La fotografia commerciale predilige invece pose più tranquille, pose da "tutti i giorni". Per il glamour, infine, sono più indicate quelle pose che mettono in evidenza le parti più sensuali del corpo, o che comunque risultano più invitanti e provocanti.

Qui sotto trovi infine alcuni consigli di base utili per impostare le tue pose e soprattutto per evitare certi errori che possono compromettere tutta la riuscita di una certa posa:

- fai attenzione alle mani. Tienile rilassate. Evita di contrarle. Nelle mani spesso si concentra e scarica il nervoso di tutto il corpo senza che ci si possa accorgersene. Fai attenzione che le mani non "spezzino" altre linee visive, quali quelle delle braccia o delle gambe o dei capi indossati.

- soprattutto quando l'obbiettivo è da altezza d'uomo, e se il fotografo non ti indica diversamente, tieni la testa alla giusta inclinazione. Evita di abbassarla troppo, perchè potresti ottenere spiacevoli effetti di doppio mento e non alzarla eccessivamente, perchè invece del tuo volto si vedrebbe il mento.

- cerca di comporre pose "asimmetriche". L'asimmetria è quello che da vita ad una posa. Se ad esempio hai un braccio piegato, mantieni l'altro dritto (ma non rigido...)

- se sei una modella fashion non guardare sempre in camera. Le pose più interessanti spesso sono quelle in cui lo sguardo è diretto altrove, anche perché danno l'impressione di essere rubate

- se sei una modella glamour guarda spesso in camera. Perché è soprattutto con lo sguardo che nel glamour si comunica fascino e sensualità. Allena quindi i tuoi sguardi.

- se sei in piedi sied,i è meglio se stai seduta sul bordo (o quasi) oppure siediti al centro ma tieni una gamba accavallata, diversamente la posa sembrerà troppo statica e rigida

- mantieni la parte bassa della schiena leggermente arcuata e tieni chiaramente la pancia indentro

- se sei una modella fashion "esagera" le pose. Soprattutto nella foto di moda le pose interessanti sono quelle più esagerate. Ciò che è normale non colpisce. L'esagerazione invece attira l'occhio.